Frasi Halloween 2019

La sera del 31 ottobre 2019 si festeggia ormai in gran parte del mondo occidentale la ricorrenza di Halloween, la festa dei morti che tornano dall’aldilà per una notte, quella che precede il 1° novembre, festività dei morti. In questo articolo proporremo una serie di aforismi e frasi originali legati alla festività di Halloween, che ha delle origini antichissime ed apotropaiche e nasce in Inghilterra nel Medioevo e da lì penetra poi negli Stati Uniti. Negli ultimi vent’anni la ricorrenza ha preso ampiamente piede anche in Italia ed è particolarmente amata soprattutto da bambini e ragazzi che travestiti da mostriciattoli e fantasmi, suonano ai campanelli del vicinato rivolgendo a chi apre loro la porta il consueto adagio: “Dolcetto o scherzetto?”. La festa di Halloween ha quindi da un lato una connotazione misteriosa, perturbante e paurosa, legata appunto al ritorno dei morti in terra e in vita, mentre dall’altro lato ha un carattere scherzoso, liberatorio, di festa per molti aspetti simile al nostro Carnevale: una sorta di mondo alla rovescia – in cui ovviamente il travestimento riveste un peso notevolissimo –  in cui I ruoli tradizionali vengono abbandonati e in cui, in qualche modo, tutto è lecito e concesso.

Vediamo insieme quindi un repertorio di frasi divertenti e paurose da utilizzare per fare originali auguri di Halloween e alcune frasi ed aforismi più generali che riguardano la festa di Halloween.

Frasi divertenti per gli auguri di Halloween 2019

  • Data la tua cera abituale, mi verrebbe da dirti che per te Halloween è ogni giorno, però, grazie a un dettaglio fondamentale – l’ottimo lenzuolo che ti sei buttato addosso – ho capito che intendi proprio festeggiare questa notte folle come da copione! Allora, amico mio, ti auguro di passare una terribile notte horror per le vie della città a terrorizzare i passanti, più o meno come fai sempre, solo, per stasera, agghindato da fantasma dell’Opera!
  • Apprezzo molto che tu abbia colto l’occcasione della festa di Halloween per fare finalmente coming out e farci sapere che effettivamente una strega la sei sempre! Come al solito, a colpi di pozioni alcoliche, dominerai la festa e sarai regina assoluta della notte dei morti viventi – senza offesa, parlo di tutti noi! Buon Halloween, amica mia e… bella scopa! Ti dona moltissimo!
  • “Dolcetto o scherzetto?” Mi chiedi innocente: sai bene che date le mie doti culinarie il dolcetto sarebbe il peggiore degli scherzetti, per te che lo rivendichi! Festeggia una buona notte di Halloween, non esagerare con gli zuccheri e soprattutto: attento alle streghe, che stanotte più che mai sono a piede libero e assetate di sangue fresco!
  • Stasera è Halloween e come ogni anno uscirai a folleggiare: io come sempre mi preoccupo per te e non vorrei mai e poi mai che dovessi ritrovarti a risarcire milioni di euro di danni verso ignari ragazzi che si imbattano nella tua mostruosa presenza e ne rimangano folgorati con conseguenze a lungo termine! Non esagerare con un cerone troppo realisticamente gore e divertiti e basta!
  • Il tuo costume da zombie è superbo, come ogni hanno hai sbaragliato tutti! Complimenti! Veramente realistico ma al tempo stesso mostruoso ed inquietante! Sei un vero maestro degli effetti speciali! Fai davvero pa-u-ra! Come?! Cosa?! Ah… non è un costume? Sei così al naturale?! Beh, si… scherzavo, dai, me ne ero accorto eccome… Allora, comunque sia, buon Halloween!
  • Carissima, il tuo travestimento da vampira è davvero eccezionale, così gotico, così liso e trascurato, sembri proprio appena resuscitata dalla tomba dopo un sonno lungo secoli e costellato da tormenti indicibili. E quelle occhiaie, quell’aria smunta e pallida: sei davvero un’eroina simbolista, incorporea, fantasmatica, enigmatica! Come dici scusa?! Ah… questo è il tuo abito buono e stai andando all’Opera e non a un party di Halloween in discoteca?! Ma certo, dicevo per dire: sei elegantissima. Una vera regina della notte! Scherzi a parte – è tutta invidia, la mia -, come il cinema ci insegna “la morte di fa bella”! Buona notte brava, amica mia!
  • Con il tuo inconfondibile sguardo da serial killer sicuramente stasera farai strage di ragazze, in senso letterale, ovviamente! Attento alle denunce e non esagerare con i Bloody Mary! Se le tipe ti guardano in modo strano, cambia traiettoria: sicuramente sono a loro volte pericolose assassine seriali in cerca di una preda da massacrare! Balla senza ritegno ma attento a non dare nell’occhio! Buon Halloween!
  • Tremate, tremate le streghe son tornate! Eccoci qui, pronte a conquistare la notte a cavallo delle nostre scope di saggina! Mwahahah! Buon Halloween amiche! La notte dei morti viventi è il tempo della festa sfrenata e del divertimento mortale! Perdiamo il controllo e balliamo fino all’alba per scacciare il malocchio, le energie negative ed allontanare da noi sentimenti nocivi, negativi, invidie e rivalità! Ritroviamo l’armonia universale sotto i nostri cappelli appuntiti!
  • “Sto sotto le scale e spappolo i cervelli, dita come mostri, ragni tra i capelli”: con questo ritornello da “Nightmare before Christmas” che ha accompagnato la nostra infanzia, mi getto con te nei festeggiamenti più horror che posso immaginare! Evocheremo spiriti inusitati e li faremo ballare fino alla sfinimento! Cari fantasmi e mostri, siete avvertiti: vi faremo morire di paure sulla pista da ballo e, per una volta, sarete voi a scappare a gambe levate!

Frasi paurose per gli auguri di Halloween 2019

  • Era una notte buia e tempestosa, e mentre il poveraccio tornava a casa da una giornata di lavoro a dir poco tremenda, si imbattè in una brigata di allegri zombie cannibali che fecero di lui un banchetto senza pari. Paura vero? Beh, stai pronto perché è quello che ti succederà tra pochissimo: crudele Halloween a te!
  • Stasera torni dal lavoro cammina svelto, non guardarti indietro, occhi bassi, passo celere. Pensa ai tuoi cari, pensa che uno sguardo incauto lanciato a un passante casuale potrebbe far sì che tu non li riveda mai più. Stanotte La Morte è in giro in cerca di nuove prede. Attento a ciò che fai: il tuo nome – come quello di tutti –  di sicuro è già scritto nella lista della Signora con la Falce, che aspetta solo il momento giusto per abbattere la sua mannaia su di te nella notte dei fantasmi. Insomma: auguri per un Halloween veramente da urlo!
  • Il vento ulula oltre le finestre, le strade sono deserte, il freddo pungente. I corridoi del condominio rieccheggiano di un surreale silenzio. La paura è il sentimento che pervade ogni centimetro quadrato della tua anima in queste notte di orrore purificatorio. Se sopravviverai al terrore che il buio porta con sé, domattina sarai una persona nuova, più forte, più determinata, più coraggiosa perché avrà affrontato i suoi fantasmi e avrà carpito il senso profondo della festa di Halloween. Che la morte ti sia lieve!
  • Mostri tremebondi aspettano nel sottoscala, pronti a sgozzarti e a mangiare il tuo cervello. Hai un modo per salvarti e farla franca e scampare indenne dalla mattanza dei fantasmi di Halloween: fingerti uno di loro e terrorizzare terribilmente chiunque ti passi a tiro! Homo homini lupus – ad Halloween più che mai!
  • Urla strazianti delle streghe sul rogo fanno eco a questa notte senza luna né stelle, ululati manari fanno rizzare i capelli e il cuore batte nel petto, in preda al tumulto più angosciante. Chissà se rivedremo il mattino, la luce del sole, la serenità dei tempi andati. Senti, ora, alla porta bussa qualcuno: lo stomaco si stringe, le gambe diventano di gelatina. Fuggire è impossibile. Subire l’ira degli stregoni e dei fantasmi è l’unico rimedio per scampare indenni alla notte dei morti viventi! Abbandonati al lato oscuro e la notte finirà prima del previsto! Happy Halloween!
  • I cadaveri risorgono dalle tombe – disgusto e terrore si impossessano dei vivi che, al contempo, sono anche attratti dal grottesco ritorno in vita dei defunti. Scene mai viste sconvolgeranno per sempre la città: orge danzanti di spiriti e mostri che prenderanno il sangue migliore dei più giovani e forti, coinvolgendoli in balli sfrenati e in libagioni inebrianti. Fuochi arderanno ovunque e del mondo che conosciamo resteranno solo le ceneri: come la fenice, lo spirito dei più nobili uscirà completamente rigenerato da questo baccanale halloweenesco! Non avere paura, lasciati andare!
  • Ti si legge negli occhi uno strano terrore, come se un sortilegio ti avesse stregato e ti fosse ora impossibile leggere il mondo per quello che è: nella notte di Halloween scorgi ovunque segni inquietanti, croci, fiamme, zucche indemoniate. Tutto è fonte di stupore e paura: fai tesoro di questo senso di angoscia che ti tormenta – domani te ne sarai liberato e il tuo sguardo tornerà ad essere fiero e forte, proprio come quello di colui che ha attraversato i Campi Elisi e sfidando la morte è tornato alla vita più saggio che mai! Buon Halloween!
  • Radunate intorno a voi i bambini e le famiglie, sbarrate porte e finestre, fate provviste e non muovetevi dal focolare: nella notte di Halloween la città diventa il regno dei morti e folle ed imprudente sarebbe abbandonare la propria casa. I morti-viventi tornanano dall’aldilà per festeggiare e per prendersi licenze pericolose: danzare, ballare, amoreggiare tra loro e con i viventi. Chi rischia, mischiandosi a loro coperto da un grottesco travestimenti, mette a repentaglio la vita: un non morto, invaghitosi di un vivo, potrebbe fare di lui cose tremende e infine rapirlo, trascinarlo per i capelli nel mondo dei morti, alla fine della notte. Attenti dunque voi che osate non osservare il coprifuoco in questa notte di terrore: ogni sguardo lascivo di una bella donna, ogni abbraccio da parte di un uomo affascinante potrebbe esservi fatale!
  • Un brindisi di sangue dalle tinte infernali suggella la festa del 31 Ottobre: diavoli, spiriti, streghe, fantasmi e cadaveri putrefatti si riuniscono in un Sabba malefico che travolge ogni forma di resistenza. Cadere nella trappola del piacere sfrenato è molto semplice, per i comuni mortali, e su questa ambiguità si gioca il vero divertimento dei non morti. Tremate e rimanete dove siete, non muovetevi, respirate senza fare rumore! La fuori le creature mostruose che festeggiano il loro ritorno non vedono l’ora di farvi la pelle!

Frasi e aforismi sulla festività di Halloween

    • Dolcetto o scherzetto? Scegli tu di che morte morire! In questa sera magica e misteriosa, liberiamoci delle nostre paure e concediamoci un divertimento puro e profondo!
    • Come i morti tornano in vita nella notte di Halloween, così le nostre paure e i nostri timori più radicati riaffiorano: non per schiacciarci o terrorizzarci, ma per permetterci di superarli attraverso lo strumento rituale della risata, dello scherzo, dello scherno. In questa notte possiamo entrare in contatto con la nostra essenza più autentica ed essere finalmente liberi.
    • La lanterna scavata in una zucca proietta ombre paurose nella notte di Halloween: i riflessi del ghigno pauroso della Jack O’ Lantern interrogano il nostro spirito e ci permettono di fare luci tra i fantasmi del passato e del presente. La luce di una semplice candela intorno alla quale radunarsi per evocare gli spiriti di chi non c’è più con canti e balli è un gesto di assoluta bellezza, per superare le ferite del passato e proiettare le proprie forze nel futuro.
    • Halloween è una festa popolare nata dal buio e dalle nebbie di un Medioevo minaccioso e oscuro: la sua origine non derivava però da un bisogno di controllo attraverso la paura ma proprio dal suo contrario. La paura e l’incontro con l’universo insondabile del mondo dei morti erano e continuano ad essere, nonostante la natura sempre più commerciale della forza, forze propulsive verso la vita, celebrata con canti, balli, scherzi e burle.
    • Halloween è una festa rituale antica, un momento di passaggio in cui la realtà e le sue gerarchie si sovvertono per una notte e in cui è letteralmente tutto possibile – anche il ritorno dei morti dall’aldilà. La funzione di questo rito è apotropaica e rappresenta quindi un modo leggero e allegro di affrontare il mistero della morte, accettarlo senza timore come una parte naturale della vita.
    • Le anime senza pace dell’aldilà bussano alle porte dei vivi nella notte di Halloween chiedendo conforto: a chi glielo nega saranno riservati “scherzetti” decisamente poco piacevoli. Il senso antico di questa festa popolare di origine celtica è proprio quello dell’incontro – normalmente impossibile e quasi sacrilego – tra due mondi: quello dei vivi e quello dei morti. In questo momento catartico in cui i destini di chi ha abbandonato il mondo e di chi ancora lo abita si incontrano si esprime il senso di questa festa: conoscere la morte e riconoscerla come un fatto naturale della vita, che non deve destare paura.
    • Nella notte di Halloween il re ed il buffone hanno la stessa importanza: come nel Carnevale i ruoli non valgono più e tutto è lecito e consentito. Con queste finalità nacque la festa e oggi, pur essendo molto cambiata nei modi e nelle manifestazioni attraverso le quali è vissuta, permane intatto questo spirito ribelle. Travestirsi è una parte fondamentale del festeggiamento: streghe, scheletri, zombie, creature mostruose affollano le strade ma, per una notte all’anno, il loro aspetto non ci fa paura ma ci strappa una risata, ci pacifica con l’idea che anche ciò che più ci terrorizza può essere affrontato, vinto, superato.
    • Molti dicono che Halloween è una festa che non si dovrebbe festeggiare perché estranea alla nostra cultura, importata, che incita alla violenza e al terrore. Chi dice queste cose non conosce le origini di questa festa e ignora il senso dei riti antichi: Halloween non è la festa della violenza, ma semmai il suo contrario. Ad Halloween le creature che più ci spaventano si mischiano a noi pacificamente, chiedendo di essere riconosciute ed accettate. La festa è una grande metafora della vita: solo accogliendo e conoscendo ciò che più ci spaventa capiremo come affrontarlo, come accettarlo, come convivere con il nostro lato oscuro che sempre è presente.
  • Halloween piace tanto ai bambini: vi siete mai chiesti perché? Infondo fantasmi, streghe, ragni e morti viventi dovrebbero spaventarli a morte e invece, la notte del 31 ottobre, tutti i bambini vogliono travestirsi da mostri, truccarsi in modo buffo e grottesco, imbrattarsi gli abiti di tempera rossa come il sangue e divertirsi insieme bussando alle porte del condominio e del vicinato per rivendicare “dolcetto o scherzetto” e imbastire piccoli scherzi a chi gli nega le caramelle. L’atteggiamento dei bambini rispetto a questa festa che molti giudicano “sbagliata” è la manifestazione più autentica del senso di Halloween: affrontare ciò che ci spaventa non solo è giusto ma è anche affascinante. Avvicinarsi al mistero della vita e della morte attraverso il gioco e lo scherzo è la grande lezione che i bambini ci regalano ogni anno, la notte del 31 ottobre, e dalla quale tutti noi adulti dobbiamo imparare moltissimo. I bambini sanno molto più di quanto noi immaginiamo sulla linea sottile che marca il confine tra il nostro mondo e quello di chi non è più qui.